La Ricerca della Verità !

Denise Pipitone e Piera Maggio

Il circo mediatico scatenato dalla trasmissione russa “Lasciami parlare”, se da un lato ha lasciato tutti disgustati per la spettacolarizzazione del dolore, dall’altro ha nuovamente puntato i riflettori sulla scomparsa della piccola Denise Pipitone, fino ad ottenere la riapertura del caso. 

Sono passati 17 anni da quel lontano primo settembre 2004, giorno in cui Denise e’ sparita senza lasciare traccia, 17 anni in cui la mamma Piera Maggio ha lottato ogni giorno per scoprire la verità sulla scomparsa della sua bambina. 

La revisione del caso ha aperto un vero e proprio vaso di pandora. All’epoca, le indagini seppur repentine, sono partite male, sono stati fatti errori su errori; ma adesso, i sospetti di un tempo, sono certezze: le ricerche e le indagini sono state sporcate da evidenti depistaggi.

Si parla di indagati consapevoli di essere intercettati, interpretazioni catastrofiche della deposizione dell’unico testimone che dopo 9 anni dichiara di avere visto Denise dopo la sparizione, perquisizioni sbagliate, intercettazioni importanti tralasciate e cosa ancora più grave ostruzioni e minacce alle forze dell’ordine. 

Questa e’ solo una piccola parte delle difficoltà che Piera ha dovuto affrontare e superare in questi anni, a cui si aggiungono le migliaia di segnalazioni da diverse parte d’Italia e del mondo. Ultima la ragazza intercettata in Calabria, che, anche se in attesa del risultato del DNA, ha dichiarato di non essere Denise.

Come sempre, prima degli accertamenti della polizia, arrivano le luci e le telecamere di certe trasmissioni televisive che lavorano e divorano la notizia ed i suoi protagonisti, affamati  di scoop e avidi di share, trascurando e calpestando la realtà di una madre che ad ogni speranza infranta perde un pezzo di cuore.

Piera Maggio e’ una leonessa, nonostante il passare degli anni, le difficoltà, il muro di silenzio e gli ostacoli che ha dovuto affrontare e superare, non si e’ mai arresa davanti a nulla. Continua  imperterrita la sua battaglia, con la certezza che la sua bambina è ancora viva e la verità non deve essere inseguita lontano. La ricerca della verità non si fermerà mai finché Piera non riabbraccerà la sua piccola.