Il ponte di Tiberio, gioiello di Rimini e d’Italia, a luglio compie 2000 anni ma il regalo sembra sia arrivato in anticipo.

Il sito di viaggi del Corriere infatti, Dove viaggi, lo ha inserito con Ponte Vecchio di Firenze, Ponte dei sospiri di Venezia e ponte sant’Angelo a Roma tra i 15 ponti più spettacolari e singolari al mondo, da visitare almeno una volta nella vita.
Un grande traguardo per la città di Rimini ma più in generale anche per l’Emilia Romagna, considerando gli investimenti che sono stati fatti per la valorizzazione del centro storico della città e dello stesso ponte, come la passerella sull’acqua per ammirare ancora da più vicino la maestria dei romani oppure le 208 boe luminose che sono state installate alla fine dell’anno scorso per far sì che fosse adeguamento illuminato anche dopo il tramonto del sole.

Lo storico monumento, la cui costruzione è iniziata nel 14 d.c. sotto Ottaviano Augusto ed è terminata nel 21 d.c. sotto Tiberio, liberato dal traffico di auto e motori e reso del tutto zona pedonale, si prepara con i suoi 2000 anni di storia ai festeggiamenti di luglio. Sarà infatti al centro di Antico/ presente Festival del mondo antico che si terrà nella città felliniana dal 7 luglio e consistere in rassegne, conferenze, live e lectio magistralis. Il festival continuerà poi in autunno con un approfondimento scientifico di Massimo Recalcati che presenterà anche un intero volume dedicato al ponte di Tiberio e alla sua immensa storia, ponendo fine ai festeggiamenti. Questo ponte, che divide il borgo San giuliano dal parco Marecchia, può considerarsi come una delle rappresentazioni dell’ingegneria romana che meglio si è conservata nel tempo: non sembra infatti aver sofferto del passaggio di auto, autotreni, carri armati e nemmeno i Goti sono riusciti a distruggerlo. Duemila anni e non sentirli per niente.

Privacy Preference Center