CHANEL N°5 COMPIE 100 ANNI

Era l’estate del 1920 quando in vacanza in costa azzurra Coco Chanel descriveva quello che avrebbe voluto diventasse sua essenza per eccellenza: “Qualcosa di elaborato, che resti addosso” era ciò che le serviva, non i soliti profumi alla rosa o al mughetto. Un anno più tardi, il 5 maggio 1921, grazie al chimico Ernest Beaux e al perfezionismo della stilista francese, partendo da quella Eau de Catherine che il profumiere aveva già realizzato in Russia, nasce Chanel N°5.

La fragranza era innovativa, realizzata con molecole sintetiche, artificialmente ed era un profumo che odorava di donna, non di rosa. La chiamò N°5 perché è stata la quinta essenza realizzata da Coco ma anche perché si dice quello fosse il suo numero fortunato. Negli anni Gabrielle rivendicò sempre i diritti sul suo profumo anche quando Chanel entrò in società con i fratelli Wertheimer, che acquistarono i diritti di produzione di profumi e prodotti di cosmesi del marchio.

Quest’anno la famosa fragranza, una delle più apprezzate al mondo, compie 100 anni e continua ad essere uno dei profumi più venduti, restando a rimanere sempre attuale e “irragiungibile”. Negli anni ad alimentare il mito di Chanel N°5 è stata soprattutto Marilyn Monroe, rispondendo ad una intervista del 1952: “Cosa indosso a letto? Che domande, Chanel N°5, ovviamente!”, contribuendo così a impreziosire ulteriormente la creazione di Coco, che era stufa dei soliti olezzi.